NUORO, 26 APRILE – Era l’ennesima lite familiare, che però questa volta è finita in tragedia. Siamo in via Lollove, nel quartiere di Preda Istrada, alla periferia di Nuoro, quando intorno alle 21 scoppia una lite in famiglia, qualcuno chiama il 113 che interviene per far rientrare la situazione. Ma è intorno alle 24 che arriva il peggio, Giovanni Antonio Delogu, 43 anni di Nuoro, fa fuoco sulla sorella Sebastiana, 47 anni, e sul cognato Graziano Manca uccidendoli di fronte ai figli ed agli altri parenti che abitano nel palazzo. La donna muore sul colpo, il marito viene ferito gravemente, ma morirà all’ospedale un’ora dopo.

Alla polizia appare chiaro il movente di questo duplice omicidio, la famiglia Delogu aveva già da tempo problemi legati alla divisione di proprietà e appartamenti, la famiglia che viveva tutta nello stesso palazzo, non riusciva a trovare un’ accordo per la divisione dell’ eredità.

Questo il motivo che ha spinto Giovanni Antonio Delogu 43 anni, impresario edile, coniugato, a prendere una pistola, che deteneva legalmente, ed a uccidere la sorella Sebastiana, di 47 anni, che gestiva una gelateria di fronte alla chiesetta della Solitudine, e suo marito Graziano Manca, di 53 anni. All’arrivo della Polizia l’uomo ha detto subito dove aveva gettato l’arma, che è stata ritrovata ed ora è rinchiuso nel carcere di Badu ‘e Carros, accusato di duplice omicidio.

Stefania Cugnetto – Foto UnioneSarda.it

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Juice 300 x 250]

[ad#Juice Overlay]