MODENA, 16 APR. – Nella notte tra lunedì e martedì, sulla serranda di un capannone dell’azienda Montecchi, sono stati esplosi otto colpi di pistola. Come ha detto la Confesercenti: “Un episodio grave, che evoca la presenza della criminalità organizzata”. Le indagini sono affidate alla squadra mobile di Modena, che dovrà chiarire se l’accaduto sia ‘solamente’ un atto di vandalismo o se sia riconducibile ad un’azione di stampo mafioso. Ad intricare la vicenda, c’è anche il dubbio che il bersaglio di chi ha sparato non fosse l’azienda in questione, bensì l’affittuario del capannone attiguo, che commercia in videopoker, già coinvolto in un’indagine legata alla criminalità organizzata. L’azienda Montecchi, però, aveva già subito un atto di questo genere il 21 marzo scorso. Si sarà trattato di due errori? Agli inquirenti il compito di scoprirlo.

Carolina Braina

[ad#Juice Overlay][ad#Juice Banner]