LONDRA, 7 APR. – Alta tensione a Bournemouth, città inglese che ospita il principale indiziato per il delitto di Elisa Claps. Questa mattina, quando il cronista dell’Ansa e l’inviato del TG1 sono comparsi all’uscita dell’abitazione dove risiede Danilo Restivo, sono volati spintoni e insulti.

Un giovane, figlio dell’attuale compagna di Restivo, Fiamma, ha dato in escandescenza e ha assalito la troupe di giornalisti mentre si trovava ancora sul marciapiede. E volato un destro da ring alla telecamera. Il ragazzo è quindi salito in macchina e ha abbandonato ad alta la velocità la villetta.

Il clima surriscaldato si deve all’esasperazione del caso o all’imminente resa dei conti nelle indagini? Restivo, che nella cittadina inglese del Dorset si è trasferito nel lontano 2002, manca ancora all’appello. Una vicina di casa, che ha chiesto dimantenere l’anonimato, giura di averlo visto ieri nel giardino della sua abitazione. Questo pomeriggio la polizia – allertata quasi certamente da Fiamma – è tornata a far visita alla villetta. Grande cortesia nei confronti dei giornalisti ma bocca cucita su tutto il resto.

Eppure a far da cornice alla giornata concitata c’è un piccolo mistero: secondo voci provenienti dall’Italia – che in Inghileterra non hanno trovato conferma gli inquirenti italiani sarebbero giunti a Bournemouth per attivare le procedure scientifiche di comparazione tra un campione di DNA in loro possesso con quello di Restivo. Nel 2004, infatti, Danilo aveva attirato le attenzioni della polizia britannica impegnata nelle indagini relative all’omicidio di Heather Burnett, la sarta 48enne barbaramente trucidata due anni prima nel bagno della sua abitazione. Che si trova proprio di fronte alla casa dove abita attualmente Restivo. In quell’occasione il potentino è stato interrogato per tre giorni di seguito, ma non è stato incriminato. È possibile che gli investigatori britannici gli abbiano comunque prelevato un campione di DNA. Che ora tornerebbe estremamente utile ai magistrati impegnati nella risoluzione della vicenda Elisa Claps. La polizia del Dorset non si in alcun modo sbilanciata su una visita dei colleghi italiani, nè su eventuali sostegni: i detective inglesi si sono trincerati dietro un impenetrabile «no comment». La sensazione, ad ogni modo, è che questi siano giorni decisivi.

BOTGRedazione