SALERNO, 5 FEBB – In preda a un raptus di follia ha imbracciato un fucile uccidendo nuora e nipote. Così la violenza si è materializzata in duplice omicidio a Pagani, comune a 15 chilometri da Salerno. La scena del crimine è una casa colonica al confine con Nocera Inferiore, in una zona di campagna abitata prevalentemente da agricoltori alla periferia della cittadina.

IL MALEDETTO CANCELLO – L’uomo ha sparatocontro le due donne di 47 e 23 anni numerosi colpi di fucile calibro 12, un’arma semi-automatica regolarmente denunciata, ed è stato arrestato dai carabinieri della compagnia locale mentre vagava nelle campagne circostanti in evidente stato di trans confusione. All’origine del duplice omicidio una discussione degenerata sull’apertura del cancello dell’abitazione. Incredulità tra i vicini di casa della famiglia, i carabinieri sono stati allertati da una telefonata che segnalava l’eplosione di alcuni colpi di arma da fuoco.

[ad#Adsense Link Bologna]

LENZUOLA BIANCHE PER NASCONDERE LA SCENA – In attesa del magistrato di turno, il pm Elena Guarino, la scena del crimine è stata opportunamente “criptata” dai carabinieri della compagnia di Nocera Inferiore. I corpi dissanguati delle due donne giacciono sul selciato, davanti l’ingresso dell’abitazione poco più in là dell’inferriata sul cui utilizzo è nata l’ultima disputa familiare. Coperta da lenzuola bianche per nascondere i cadaveri delle due donne.

Massimiliano Riverso

[ad#Adsense Banner Image 468 x 60]