ROMA, 22 NOV. – La terza puntata di Vieni via con me, il programma rivoluzionaria di Fabio Fazio e Roberto Saviano, si apre con Ilaria Cucchi che legge «le cose belle» di Stefano, il fratello morto misteriosamente a 31 anni, il 22 ottobre 2009, sei giorni dopo il suo arresto per spaccio di sostanze stupefacenti.

Tra i ricordi di Stefano, Ilaria ha citato «il suo sorriso, quando da bambino correva incontro a nostro padre di ritorno dal lavoro», «la sua dolcezza, quando non riuscivo a dormire perchè avevo paura del buio e lui mi rassicurava»; «la sua allegria contagiosa, che ti tirava su di morale e riusciva sempre a strapparti un sorriso»; «la sua generosità, nell’aiutare sempre gli altri come poteva»; «il suo altruismo, quando anche nei momenti più difficili per lui si preoccupava che io fossi serena»; «la sua voglia di farcela, quando con le lacrime agli occhi ma con orgoglio tornava in comunità e provava a riprendersi la sua vita»; «il suo amore, grande, per la vita, che non avrebbe voluto lasciar andare».

Nel preview della terza puntate omaggio alle vittime della strage di piazza della Loggia del 1974, a pochi giorni dalla sentenza controverso della Corte d’Assise di Brescia che il 16 novembre ha assolto i cinque imputati. Manlio Milani, presidente dell’associazione familiari delle vittime della strage, ne ha letto l’elenco dei nomi.

Redazione