NAPOLI, 22 APRILE – Misero a segno a marzo due spettacolari raid punitivi: sei le persone identificate, 4 fermate dalla Finanza e dai carabinieri di Napoli. E le immagini delle telecamere a circuito chiuso raccontano quanto accaduto. Si vedono sei persone mentre sparano alle alle slot machine e incendiano piste di un bowling mentre ci sono dei bambini che giocano.

La gang in pieno stile ‘Scarface’ è stata braccata grazie alla testimonianza di una donna. Secondo quanto riporta il quotidiano ‘LaRepubblica’, le spedizioni punitive sarebbero state organizzate dal marito della donna per vendicarsi della rottura del loro rapporto. La gang avrebbe preso di mira la sala giochi dello zio, reo di aver dato ospitalità alla malcapitata nipote. La donna, dopo la visione del materiale multimediale, avrebbe riconosciuto la smart del marito consentendo agli inquirenti di risalire all’identità delle persone coinvolte

Dovranno rispondere di tentativo di omicidio, sequestro di persona, rapina, incendio, danneggiamento e detenzione di armi da guerra

BOTGRedazione