LOCRI, 28 MAR. – Svolta nell’omicidio di Palizzi. Sarebbe già stato identificato l’esecutore materiale dell’omicidio di Vincenzo Quagliana, l’imprenditore di 33 anni, assassinato nella tarda serata di ieri con alcune coltellate all’addome a Palizzi, nel cuore della Locride. Si tratterebbe di un giovane compaesana che già in passato aveva avuto delle violente discussioni con la vittima. I carabinieri della Compagnia di Bianco, coordinati dalla Procura di Locri, lo stanno cercando, ma al momento non il giovane è irreperibile. All’origine delle liti, secondo quanto si è appreso, vi sarebbero stati motivi di carattere personale.

LA SCENA DEL CRIMINE – Ucciso con 5 fendenti all’addome nel pieno centro di Palizzi Marina. L’imprenditore reggino e’ stato portato di’urgenza all’ospedale di Melito Porto Salvo da un parente ma e’ deceduto poco dopo il ricovero, senza riuscire a fornire indicazioni sul suo aggressore. I carabinieri della compagnia locale hanno ritrovato il coltello a scatto utilizzato per colpire Vincenzo Quagliana, abbandonato dall’aggressore proprio sulla scena del crimine.

BOTgRedazione