BOLOGNA, 12 GIUGNO – Ancora una volta la mala gestio dei dirigenti di un istituto di credito si abbatte sui conti dei clienti, esattamente come è accaduto nel caso di Ber Banca meno di due anni or sono. In quella occasione il CODACONS, con l’aiuto di “Striscia la Notizia” il TG satirico di Canale 5, ha denunciato i danni ed i disagi patiti dai numerosi clienti dell’istituto di credito organizzando gli azionisti, i correntisti e chi ricopriva come spesso avviene entrambe le posizioni ad attivare le azioni di risarcimento danni per mala gestio nei confronti dell’ex CDA ( Azionisti) oltre che nei confronti  dell’istituto di credito ( correntisti) avanti al Tribunale Civile di Bologna.

La copertura di 100.000 Euro del Fondo Interbancario non garantisce una copertura totale del danno né di chi aveva nel conto corrente una cifra maggiore né tanto meno di chi aveva tale cifra nel conto titoli ed in ogni caso non fornirà alcuna somma a titolo di risarcimento danno ai clienti della banca che ne hanno titolo per i danni ed i disagi che tale situazione sta loro provocando.

Nel caso di Ber Banca spa  i conti vennero bloccati senza alcun preavviso creando  una grave serie di disservizi ai clienti che si videro bloccati i bancomat, non pagati gli assegni emessi, non pagate bollette delle utenze domestiche,  con inevitabile segnalazione di privati ed aziende alla Centrale Rischi di Banca D’Italia ed al CRIF.

[smartads]

Tale grave danno in alcuni casi ha comportato quale conseguenza diretta il blocco delle linee di credito esistenti ed in altri ha determinato la richiesta di rientro da parte di tutti o quasi gli altri istituti di credito con cui operavano le  società segnalate alla centrale rischi, quale conseguenza della impossibilità di onorare gli impegni finanziari che le società pensavano in modo del tutto legittimo di onorare con le linee di credito accese e che, invece, a seguito del blocco delle stesse protrattosi per tre mesi nel caso di Ber Banca S.p.A., non riuscirono ad onorare con la conseguente segnalazione della loro posizione a rischio alla banche dati interbancarie.

Nel caso di Banca Network vogliamo sperare che ciò non si ripeta ed è certo che  le condizioni per attivare un’azione di risarcimento danni collettiva nei confronti di detto istituto di credito e di chi eventualmente  né rileverà la proprietà si sono in ogni caso già tutte maturate.

Tutti coloro che desiderano aggiungersi ai numerosi azionisti che già hanno posto la loro fiducia nel CODACONS  possono contattare l’associazione tramite il numero verde 800.05.08.00 e tramite il sito nazionale e/o  regionale del CODACONS Emilia Romagna .

Vice Presidente  Nazionale CODACONS
Avv.Bruno Barbieri –  tel 051.38.05.40 – 338.22.19.123