BOLOGNA, 23 MARZO – Qualche giorno fa anche noi ci siamo occupati di Michela Roth, la sexy maestra di Castello di Serravalle che ha riscaldato e diviso gli animi dei cittadini del paese in provincia di Bologna a causa della sua passione per i concorsi di bellezza.

Abbiamo parlato di mamme che minacciavano il ritiro dei bambini dalla scuola, abbiamo scritto le parole del sindaco del paese, abbiamo anche riferito che sui social network più importanti è stata espressa tanta solidarietà alla vicenda di Michela, abbiamo riportato con ammirazione i suoi sogni per il futuro, insomma anche noi ci siamo dati da fare cavalcando il fascino dell’indiscreto e della notizia.

Ebbene, la storia ha superato i confini nostrani ed anche il web d’oltralpe e al di là dell’oceano ha messo in evidenza la ‘faccenda’ italiana. Come anche è accaduto nel nostro belpaese tanti sono stati i commenti all’accaduto e la solidarietà è diventata a questo punto internazionale. Se in un primo momento propria la sua bellezza le aveva causato una serie di problemi adesso grazie alla sua avvenenza cominciano a fioccare le proposte. L’affascinante Michela confessa con distacco (ma sarà vero?) di essere stata intervistata da un’emittente radiofonica cilena e contattata ed invitata da quotidiani di altri paesi a rilasciare dichiarazioni su quanto accaduto. Nel frattempo i principali social network sono impazziti e Facebook la fa da padrone. Si leggono messaggi in tutte le lingue che ringraziano la super-famosa maestra, commentano le sue foto e si mostrano stupiti appresa la notizia. Insomma una nuova star sta nascendo, anche se Michela tende sempre a sdrammatizzare non dando importanza all’interessamento generale che si è scatenato su di lei. Dalla Spagna al Cile, dall’Argentina al Brasile tutti la salutano e ringraziano di poterle essere amici, le donne indiane la salutano e dalla Turchia uomini sposati le porgono la loro solidarietà. Ma sono così avanti in quei Paesi?

[smartads]

Anche alcune importanti emittenti italiane le avrebbero offerto di partecipare a qualche trasmissione televisiva, sempre secondo quanto dichiarato dalla stessa e aggiungerei che fra poco tempo vedremo qualche suo articolo in qualche magazine di grido.

Ma leggendo qua e là i commenti di qualche lettore di importanti quotidiani on line italiani alcuni non mi sembrano del tutto favorevoli, anzi insinuano qualche piccolo dubbio sull’autenticità delle notizie riferite e altri invece si dimostrano piuttosto seccati per la vicenda:

“…Scusate, premetto che sono stata fra le prime persone a solidarizzare con la maestra pubblicamente su Facebook. vivo nello stesso Paese ed è mia abitudine approfondire le notizie. Non sono riuscita a trovare le mamme che avrebbero ritirato i bambini con la motivazione balzata alle cronache… ho saputo indirettamente che un ritiro è stato fatto per motivi economici…”

“…Capisco il Gossip ma perché nessun giornalista si è preoccupato di intervistare le dirette interessate (anche riservatamente) invece di fare interviste ai frequentatori dei bar della piazza che non sanno nulla della questione e hanno dato risposte scontate di apprezzamento per la ‘bella maestra’… “

“…Per focalizzare l’attenzione su Castello di Serravalle c’è voluto questo siparietto ben orchestrato?…”

“…e la maestra ringrazia per la pubblicità gratuita…”

“…la notorietà non le interessa? ipocrita, lo vada a raccontare a qualcun altro… chi crede di essere? è una eccelsa cantante? un’attrice da oscar? una ballerina della Scala? no, e allora voli basso e la smetta di darsi tante arie…”

Francesco Amato
Redazione Stage