BOLOGNA, 11 FEBBRAIO – La neve non intende abbandonare il capoluogo emiliano, dove nevica da ieri alle 17:00 senza sosta. Le precipitazioni, moderate nella mattina di oggi, si attenueranno nel pomeriggio e nel corso della serata. Domani attesi ancora fiocchi, ma con intensità minore: dai 2 ai 5 cm in pianura e dai 5 ai 10 cm sui rilievi. Se le precipitazioni si stanno esaurendo, lo stesso non si può dire per le temperature che rimarranno rigide con una variazione da 1 grado la massima fino a -5 la minima. Previsti venti moderati con velocità di circa 30 kmh.

+ FOCUS MALTEMPO
Previsioni Meteo 11 Febbraio: situazione critica in Emilia Romagna, tra poche ore la neve tornerà su Roma

Un netto miglioramento rispetto alle previsioni dei giorni scorsi diffuse dall’Arpa, , agenzia regionale prevenzione e ambiente Emilia-Romagna, che aveva previsto 40 cm di neve e venti gelidi di ben altra entità. La polemica è iniziata dunque e gli allarmi dei giorni passati si sono trasformati in allarmismi. Il meteorologo Sandro Nanni, in forza all’Arpa, ha spiegato che le correnti gelide previste per ieri alle 12:00 hanno rallentato la loro corsa verso Bologna, stazionando sulla parte orientale della Romagna. Nanni ha sostenuto l’impossibilità della previsione senza errori, puntualizzando che «per le precipitazioni nevose specifiche» l’esattezza è ancora più difficile «perché l’atmosfera è un sistema caotico e non risponde a leggi assolutamente deterministiche». L’invito a restare nelle proprie abitazioni tra le 12:00 di ieri e le 17:00 di oggi, diffuso dal servizio di Protezione Civile regionale, con la conseguente chiusura di scuole e Università da ieri pomeriggio fino ad oggi, col senno di poi sembra esagerato, ma dati gli inconvenienti che si potevano creare, meglio una sana preoccupazione ed evitare rischi inutili. La polemica romana dei giorni scorsi ha sicuramente fatto la sua parte.

[ad#Google Adsense]

I disagi maggiori si sono verificati riguardo ai trasporti che nella mattinata hanno registrato alcuni blocchi momentanei. La linea ferroviaria tra Bologna e Porretta Terme è stata chiusa nelle prime ore di stamani, per permettere ad un treno turbina di pulire i binari coperti dall’abbondante neve. Anche la linea Bologna-Prato ha subito gravi rallentamenti. Vari treni sono stati cancellati anche nelle tratte: Bologna- Ferrara e Bologna-Poggio Rusco. In certi casi FS ha messo a disposizione dei viaggiatori bus sostitutivi che però hanno dovuto fare i conti le difficoltà riscontrate sulle strade. L’aeroporto è rimasto attivo tutta la mattina, ma alcuni voli sono stati cancellati a causa della neve presente sulle piste. Sulla rete stradale vengono segnalate nevicate sulla tangenziale, sulla A14, A13 e sulla A1, ma attualmente non si registrano particolari disagi, ma l’invito a muoversi solo se necessario e muniti di catene o gomme da neve rimane.

Luca Bresciani