PIACENZA, 27 GENNAIO – Droga a domicilio, in palestra oppure direttamente allo stadio.

Cocaina in grande quantità, hashish e cannabis che da un gruppo di pusher albanesi passava nelle mani di giocatori di rugby. che a loro volta spacciavano la droga durante gli allenamenti o poco prima della partita. Non solo, durante i concerti alcuni giocatori che svolgevano il ruolo di buttafuori ne approfittavano per “smazzare” la roba ai fans presenti.

L’indagine condotta dai carabinieri di Piacenza ha portato in carcere 35 persone, tra giocatori di Serie A, B e C, e anche una campionessa italiana di body building Maria Chiara Borella, più volte immortalata nelle copertine di Fitness Italy. Proprio la campionessa di body building e il suo fidanzato, un giocatore di rugby che lavorava come buttafuori, sarebbero tra i protagonisti dell’organizzazione.

L’indagine ha coinvolto le province di Parma,Varese, Bergamo, Brescia, Pavia, Lodi e Milano.

Redazione