VERONA, 26 GENNAIO – Da due giorni il centro-nord vive con ansia e preoccupazione gli sciami sismici in atto in diverse zone sismogenetiche.

Dopo la violente scossa di terremoto, oggi a Verona la gente è più tranquilla, nonostante si sia svegliata con una scossa di magnitudo 2.0 rilevata solo dai sismografi dell’Ingv. Stamani i tecnici dei vigili del fuoco hanno controllato 160 scuole pubbliche e private della città scaligera metro per metro, al fine di verificare che le strutture non abbiano subito danni dalla violenta scossa di terremoto.

Intanto a Brescello la terra continua a tremare. Questa mattina i sismografi dell’Ingv hanno registrato una costa tellurica di 3.2° Richter.

[ad#Juice 120 x 60]

Nuovi studi hanno portato alcuni addetti ai lavori a sostenere che la Pianura Padana non sarebbe così sicura:  “Le mappe non sono aggiornate: si sottovalutano i rischi sismici.

Redazione