BOLOGNA, 16 DICEMBRE – “Basta con questo balletto di dichiarazioni, le previsioni meteo ci parlano di venti deboli e precipitazioni sporadiche se non assenti fino a martedì prossimo. La cappa di smog che ci sta intossicando è sempre più fitta e non c’è più tempo da perdere per provare a rientrare nella legalità”. Queste le parole di Filippo Bortolini, oresidente dei Verdi di Bologna, che interviene dopo aver letto sui quotidiani odierni di un possibile spostamentamento delle date del blocco automibilistico dopo il Natale.

“Siamo già in ritardo, – continua Bortoloini” il blocco doveva essere già operativo ed essere esteso ad oltranza e anche se capisco le esigenze dei commercianti prima bisogna pensare alla salute. Sono rimasto sorpreso anche dalla dichiarazione dell’assesora Monti, che tra l’altro dovrebbe avere a cuore le questioni legate alla legalità, anche dell’aria. E’ infatti sbagliato individuare nelle caldaie il motivo dell’inquinamento quando tutte le ricerche degli ultimi 20 anni attribuiscono al traffico veicolare sino al 50% delle emissioni di PM10, forse sarebbe meglio occuparsi degli argomenti che si conoscono.

“Sarebbe comunque interessante lavorare per un superamento delle caldaie a gasolio in città, che non sono moltissime, attraverso un piano di sgravi dalla nuova IMU per chi decidesse di metanizzare il proprio impianto di riscaldamento. Come Verdi speriamo che non si facciamo passi indietro sulla sofferta scelta del blocco solo per garantire i soliti noti e non la salute dei Bolognesi”, conclude Bortolini.

Red.