MILANO, 30 NOVEMBRE – Intervista shock quella di Rosalinda Celentano, figlia del Molleggiato e di Claudia Mori, che alle pagine di “Diva e donna” racconta alcuni retroscena della sua vita privata.Io e Monica Bellucci ci siamo amate in tenera età”.

Una confessione forte quella dei Rosalinda, che continua dicendo: “Io mi sono sottratta, ho penato molto per lei. Le ho chiesto di fermarci al bacio. Ma è stato meglio così, quando ci vediamo ancora oggi abbiamo il magone“.

[ad#Google Adsense][ad#HTML]

Ma non solo l’attrice racconta di una”passione per gioco” con un’altra collega, molto famosa all’Estero. Di chi parliamo? Di Asia Argento, con cui la Celentano scherza continuamente tra limonate e baci saffici, a volte strappati per far parlare la gente. Rosalinda, infatti, racconta: ” Con Asia limoniamo. Lei mi mette la lingua in bocca e la gente passa e ci guarda schifate. Si spaventa di queste cose perché ha paura dell’amore“.

Durante l’intervista l’attrice smentisce la relazione con la collega Simona Boroni, dopo che tempo fa circolarono alcune foto delle due paparazzate in auto a scambiarsi dei baci.

Noi ci amiamo da vent’anni, ma non siamo fidanzate per il momento, lei ha un compagno e un figlio. Mi andava di baciarla sulle labbra e allora” prosegue la figlia di Adriano, che racconta di essere ancora illibata e di ricadere continuamente in problemi legati all’alcool.

Sono vergine ma sono più cortigiana di tante altre che fanno sesso con uomini e donne. Tre anni fa mi hanno tolto l’utero, vivendo da asessuata si era ammalato” ironizza Rosalinda, che confessa il suo periodo nero legato all’uso di alcool: “Non mi drogo ma ogni tanto ripiombo in questo problema alcolico orrendo. Se ho un amore, una felicità o un dolore che non reggo allora comincio a digiunare e a bere. Ad agosto mi sono chiusa in una clinica per cinque settimane in una comunità. Sono anni che sto sul filo, nel 2003 dopo aver incontrato la vodka ho cominciato a mischiare. Sono uscita da un coma etilico, non volevo più stare su questa terra. Sono davvero brava a combinare i farmaci“.

Una vita in bilico tra ombre e luci, sperando che prima o poi una ventata di positività possa arrivare nella vita di una donna sicuramente tanto fragile.

Emanuele Ambrosio