CESENA, 17 NOVEMBRE – Sono scattate le manette per un imprenditore di 49 anni, di origini albanesi, che deve rispondere di violenza sessuale e atti sessuali nei confronti di una bambina di tredici anni, figlia di suoi conoscenti. L’imprenditore, residente a Gatteo e titolare di una società che si occupa di trasporti nel settore del turismo, era stato denunciato due mesi fa dai genitori della minorenne, in seguito al terribile racconto della piccola.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Approfittando dell’assenza dei genitori, l’imprenditore si era intrufolato nella camera della ragazzina e aveva abusato di lei. In seguito, intimandole di raccontare tutto ai genitori, l’aveva costretta a ulteriori rapporti sessuali, nel suo appartamento. Ma la ragazzina è riuscita a trovare il coraggio e raccontare le violenze subite ai suoi genitori che hanno immediatamente denunciato l’uomo.

Le indagini, condotte dalla questura di Forlì hanno portato all’arresto, lunedì scorso, ma solo ora è stata data comunicazione alla stampa, dell’uomo che nel frattempo si era confidato con il suo imam affermando di essersi innamorato della figlia minorenne dei suoi vicini e che aveva avuto con lei “rapporti d’amore”. L’uomo, infatti, venuto a conoscenza della denuncia nei suoi confronti, si era messo in contatto con i genitori della ragazzina attraverso mail e sms, in uno dei quali era comparsa addirittura una proposta di matrimonio.

Federica Palmisano