BOLOGNA, 17 NOVEMBRE – Il lancio della nuova campagna pubblicitaria United Colors of Benetton, denominata “Unhate”, contro l’odio fa subito scalpore. Si annuncia la costituzione della omonima fondazione. La campagna, che ritrae leader politici e religiosi che si baciano, ha già creato scalpore.

Nella capitale, alle 8 di stamattina, è stato srotolato, nei pressi di Castel Sant’Angelo, il cartellone raffigurante Papa Benedetto XVI e l’Imam del Cairo che ha suscitato curiosità e attrazione nei turisti e immediate contestazioni. Luca Borgomeo, presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart sostiene che “E’ un’offesa al cattolicesimo, ma anche un’offesa a tutti quei pubblicitari che ricercano messaggi innovativi”.

Il progetto di comunicazione UNHATE è incentrato su una serie di eventi e iniziative in svariate città. Il tema principale è quello del bacio, simbolo per eccellenza di amore e tolleranza. Raffigurati anche il presidente degli Stati Uniti Obama con il suo omologo cinese Hu Jintao, il cui manifesto pubblicitario è apparso a Piazza Duomo a Milano.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Alessandro Benetton, vicepresidente esecutivo di Benetton Group, che ha illustrato il lancio della campagna a Parigi, replica: ”Se l’amore globale rimane una sia pur condivisibile utopia, l’invito a ‘non odiare’, a combattere la ‘cultura dell’odio’, rappresenta un obiettivo ambizioso ma realistico. Con questa campagna abbiamo deciso di dare visibilità mondiale a un’idea alta di tolleranza, per invitare i cittadini di tutti i Paesi, in un momento storico di grandi turbamenti e non meno grandi speranze, a riflettere su come l’odio nasca soprattutto dalla ‘paura dell’altro’e di ciò che non si conosce”.

Chiara Arnone