BOLOGNA, 11 NOVEMBRE – Michele Santoro entra in studio trionfante, esaltando il successo della prima puntata di Servizio Pubblico: «Non lo so se vi rendete conto di quello che avete combinato giovedì scorso. Praticamente avete fatto nascere una nuova televisione che è diventata la terza tv del Paese quella sera. E ne avete fatto nascere un’altra della stessa potenza sul web». LO SPECIALE

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Nel corso della classica anteprima l’anchorman lancia anche una frecciata ai presunti ‘sabatatori’ del contestato format. «Quindi possono fregare tutti i ripetitori che vogliono, come hanno fatto ieri sera a Bergamo – ha dichiarato il conduttore riferendosi al furto dei ripetitori di Telelombardia – È difficile che questa volta ci possano ridurre al silenzio, perchè il paese sta cambiando, tanto che Berlusconi la settimana prossima si dimetterà».

Il preview della seconda puntata viene chiuso dallo show esilarante di Roberto Benigni al parlamento Europeo.

Santoro conclude riscoprendo l’orgoglio di essere italiano: «Il Paese sta cambiando perchè è passata la paura. Stiamo riscoprendo l’orgoglio di essere italiani e noi italiani siamo in grado di fare qualunque cosa come ha detto Benigni», ha aggiunto Santoro prima di lanciare l’intervento del comico toscano di ieri al Parlamento europeo.

Redazione