ANKARA, 10 NOVEMBRE – La terra in Turchia torna di nuovo a tremare. Il sisma ha colpito la zona di Van, già provata dal terremoto scorso, causando più di 600 vittime e quasi 4.200 feriti. La nuova scossa ha provocato la morte di almeno sette persone, ma si teme un bilancio più pesante.  Sono decine le persone intrappolate sotto le macerie, almeno ventitré persone tratte in salvo dai soccorsi.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Le autorità locali riferiscono che l’epicentro è stato localizzato nella zona di Edremit, e ha provocato il crollo di diversi edifici, tra cui un albergo che ospita giornalisti e operatori della Mezzaluna Rossa. La zona di Van in queste settimane era stata tormentata da oltre 2.300 scosse di assestamento, di cui almeno sette di magnitudo fra cinque e sei. Per la popolazione, già fortemente provata e costretta a vivere in oltre quaranta mila tende, la nuova scossa ha provocato panico e fughe per le strade. E’ stato inoltre ordinato l’invio di altri 300 soccorritori con nove aerei.

Sabrina Brandone