TORINO, 6 NOVEMBRE – L‘allerta è scoppiata anche in Piemonte, dove il fiume Po supera i 5 metri generando reali preoccupazioni. Intanto il ponte del Bertenga sul Pellice è venuto giù, mentre nell’Alessandrino sono stato chiuse diverse strada per allagamenti e smottamenti e più di 500 persone hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni. Ma non finisce qui. Nello Spezzino è stato registrato l’allarme crolli, come quello che si è verificato negli scorsi giorni lungo la statale 226 tra Ponte Savignone e Casella.

[ad#Google Adsense][ad#Juice Overlay]

Lo smottamento ha poi provocato la rottura delle tubature del gas metano, di fatti i comuni di Casella e Montoggio al momento sono senza gas e si preannunciano problemi anche per il futuro.

Al momento a Torino sono stati messi sotto osservazioni i corsi d’acqua, con particolare attenzione al fiume Po il cui livello salirà ancora di più in serata. Intanto il sindaco Piero Fassino ha disposto per domani la chiusura delle scuole e lezioni sospese anche per il Politecnico e all’Università. Anche le linee ferroviarie tra Torino e Savona saranno interrotte. Chiuso anche un potente, quello sul Tanaro, visto che la situazione sta diventando davvero critica, tanto che il governatore Roberto Cota ha invitato le persone a “non curiosare sui ponti e i lungo i fiumi, mettendosi così in situazioni di pericolo“.

Tornando in Liguria, nella città di Genova è stata totalmente liberata una palazzina di sei piani dopo un sopralluogo da parte dei vigili del fuoco, che ha appurato la possibilità di un crollo dello struttura. Quasi 150 persone sono state evacuate e sono state portate presso l’Istituto Casa Serena. Allarme anche a Venezia, dove l’acqua è davvero alta e la marea ha toccato una massima di 100 centimetri sul medio mare alle 8.35. La rivelazione arriva direttamente dal Centro maree del Comune.

Al momento, tra Liguria e il Piemonte, stando alle notizie arrivate, si registrano 1.850 persone sfollate.

ULTIME NOTIZIE

[ad#Juice 120 x 60]ORE 19,30 – Chiuse domani tutte le scuole ad Alessandria e Casale. Il provvedimento emanato dalla Prefettura riguarda scuole materne, elementari, medie e superiori. Nelle altre cittadine della provincia alessandrina invece gli istituti saranno regolarmenti aperti.

ORE 19.00 – Ripristinata la circolazione ferroviaria sulla linea Torino-Savona, bloccata nei pressi della stazione Savigliano-Fossano a causa dell’esondazione del fiume Mellea. Resta bloccata, per ulteriori verifiche tecniche, fino alla tarda mattinata di domani, la tratta Pinerolo-Torre Pellice, nel torinese. Circolazione, infine, su singolo binario, per permettere la rimozione dei detriti trasbordati dal Fiume Tanaro, lungo la Torino-Alessandria, tra il capoluogo piemontese e Felizzano.

VIDEO

Emanuele Ambrosio