BOLOGNA, 19 OTTOBRE – Durissime e severe le parole di Susan Sarandon nei confronti di Benedetto XVI.

Durante un’intervista, nella quale si parlava di film, impegni cinematografici e “solite” cose di una vita da star, la Premio Oscar 1995 ha pensato bene di animare un pò la conversazione, infatti ha detto di aver inviato al Papa una copia dell’opera letteraria che ha ispirato il celebre film di cui è stata protagonista “Dead Man Walking”. La donna ha specificato, però, di aver mandato il libro all’ultimo Papa e non “a questo nazista che c’è adesso”.

Parole che istantaneamente hanno fatto il giro del pianeta, travolgendo il mondo del cinema e lasciandolo sotto shock.

Stupito, sbigottito, l’intervistatore del giornale Newsday a quel punto l’ha rimproverata con garbo, ma vani i suoi tenativi di correggerla e di farle fare un passo indietro sulle sue affermazioni, l’attrice ha ripetuto diverse volte le sue idee.

Tutto nasce dalle immagini che ritraggono il giovane Joseph Ratzinger con la divisa della gioventù hitleriana. Il Papa non ha mai negato di avervi aderito, ma aveva solo 14 anni. Immediata la replica del Vaticano tramite  Bill Donohue, presidente della Lega Cattolica: “Le parole di Susan Sarandon su Papa Benedetto ‘nazista’ rivelano una ignoranza senza precedenti. Papa Ratzinger ha fatto parte della Gioventù nazista come ogni altro quattordicenne tedesco dell’epoca. E al contrario di molti altri, si è rifiutato di partecipare ai meeting obbligatori, ma ha anche in realtà disertato la gioventù hitleriana, ed è per questo che oggi gli ebrei lo considerano un amico e non un nemico”.

[ad#Google Adsense][ad#HTML-1]

Ma questa non è stata l’unica risposta ricevuta dall’attrice, infatti da più parti sarebbe stata accusata di aver mosso gravi accuse nei confronti del Pontefice senza conoscerne a fondo la storia personale.

Un’opinione personale, quella della Sarandon, decisa, non utilizzata a scopi pubblicitari (anche perchè non ne avrebbe reale bisogno).

Un pensiero che le è costato una polemica mondiale e il turbamento dell’opinione pubblica.

Tornerà sui suoi passi? Per ora tutto tace e per non mettere altra benzina sul fuoco è stato addirittura censurato il video ed eliminato da youtube.

Alessandra Scarciglia