CREMA, 16 OTTOBRE – Lo sfogo del padre di Claudia Ornesi, la donna uccisa con la sua bambina, avuta dall’oculista Maurizio Iori, accusato dell’omicidio.

C’è rabbia e tanto dolore nelle parole del padre di Claudia Ornesi, la donna trovata morta con la sua bambina Livia, di appena due anni, per mano del suo compagno l’oculista Maurizio Iori: “La cosa più importante, per noi, la cosa che ci dà un po’ di forza in questo momento di grandissimo dolore è sapere che nostra figlia non è un’assassina”.

[ad#Google Adsense]

Maurizio Iori, l’oculista cortese e disponibile,  aveva inscenato un omicidio suicidio, smascherato poi dalla Squadra Mobile. La città di Crema è ancora incredula: è difficile riuscire a dare una spiegazione logica di ciò che è avvenuto. Iori era infatti uno stimato professionista, che si era distinto nel suo lavoro fino a diventare primario.

Se da una parte c è il dolore dei familiari di Claudia Ornesi, dall’altra c è lo sconcerto della moglie di Maurizio Iori, ancora incredula e stupita nell’apprendere l’esito delle indagini.

Il movente del terribile delitto sarebbe scaturito da una lettera che Claudia Ornesi avrebbe inviato, nel mese di  Giugno allo stesso Iori, chiedendo pari  dignità con i figli avuti dai precedenti matrimoni: “Chiedo che Livia possa vedere i fratellini e le sorelline. Non trovo giusto che nostra figlia viva senza un padre”.

Maurizio Iori intravede nella richiesta di Claudia una minaccia alla sua reputazione, ma soprattutto  al rapporto di vita con sua moglie e i bambini. L’oculista era convinto che il contenuto e l’esistenza stessa della lettera non fosse stato condiviso con nessuno, ma Claudia l’aveva mostrata a sua madre, che ha poi consegnato agli inquirenti.

La mattina del 21 Luglio la scena che appare agli occhi degli inquirenti è evidente: si tratta di un omicidio e suicidio, dovuto alla disperazione di una donna sola e abbandonata. Ma per il Procuratore Daniela Borgonovo, l’ipotesi non regge: “Una madre che sta mettendo in atto un tale gesto tiene sempre stretto il suo bambino”. Dopo mesi di indagini gli inquirenti si sono convinti: il colpevole è Maurizio Iori, lo stimato oculista disponibile e gentile, l’insospettabile con tre famiglie. Nei giorni scorsi l’arresto per omicidio.

“Non vogliamo mostrarci in tv per rispetto di nostra figlia – ha detto la madre della donna uccisa – Mi ha sempre fatto un effetto strano vedere le persone che raccontavano i loro drammi in tv”. “Ringraziamo la polizia e la Procura per il lavoro attento e meticoloso che hanno svolto per arrivare alla verità”, conclude la famiglia, con il padre di Claudia che aggiunge: “Mia figlia non è un’assassina”:

Sabrina Brandone