TRIGORIA, 14 OTTOBRE –  Il derby si sa, a Roma è una cosa seria. Lo è per i tifosi, figuriamoci per i calciatori. Se poi i giocatori in questione sono Francesco Totti e Daniele De Rossi, romani e romanisti da una vita, allora è presto detto che la sfida assuma dei contorni particolari.

Proprio il capitano giallorosso, grande assente contro la Lazio in programma domenica sera allo stadio Olimpico, si è presentato ieri in conferenza stampa per illustrare la situazione attuale della propria squadra e per raccontarci come la formazione di Luis Enrique si stia avvicinando alla partitissima.

Forfait – “Purtroppo salterò il derby. Ho cercato fino alla fine di recuperare, ma non ce l’ho fatta. Il mio ritorno in campo? Non lo so, spero di riuscirci con il Palermo, valuteremo giorno per giorno”. Così il capitano della Roma esordisce rammaricato davanti ai cronisti, confermando la sua assenza già paventata alla vigilia.

“Uomo decisivo per il derby? Reja è un portafortuna” – risponde scherzosamente il Pupone  riferendosi ai precedenti negativi del tecnico friulano nella stracittadina. Ritornando serio , Totti prosegue affermando di temere più di tutti Klose tra i laziali e augurandosi, dunque, una sua assenza in vista di domenica.

Il progetto americano – Un Francesco Totti a 360 gradi, tra presente passato e futuro, torna a esprimere poi anche  il suo pensiero circa la nuova “gestione americana”“Un progetto nuovo, giovane, importante. Penso che gli americani vogliano fare grandi cose, una grande squadra. Con una città come Roma è doveroso. Siamo a disposizione per aiutarli. Si troveranno in difficoltà all’inizio hanno persone competitive sotto ogni punto di vista”

Situazione con Baldini – c’è anche spazio per una domanda polemica riguardo ad una dichiarazione di Baldini, il quale, tempo fa, definì il capitano della Roma “pigro” – “”E’ normale che lì per lì sentendo questa intervista c’ero rimasto male. Ognuno è libero di dire ogni cosa. Con Franco ho avuto sempre un bellissimo rapporto non ho mai avuto problemi. Anche quando è andato via. Quando lui arriverà, presto spiegherà questa pigrizia cosa vuol dire. Già l’ho accantonato per il bene della Roma. E’ un direttore conosciuto tra i più bravi. E’ nello staff della Roma, speriamo di poter rivincere insieme”

Rinnovo De Rossi – ovviamente immancabile una considerazione del capitano sulla delicata trattativa per il rinnovo di De Rossi con la Roma. Le parti sembrano essere sempre più vicine, soprattutto dal punto vista economico. La società ha offerto 5 milioni più una serie di bonus legati al rendimento, mentre pare che il calciatore abbia abbassato le sue pretese scendendo fino a 6 milioni. Nel caso dovesse saltare l’accordo, Real Madrid e Manchester City restano le alternative più accreditate. Così commenta Totti questa situazione : Io ci ho parlato tantissime volte. La sua intenzione è di rimanere a vita qua alla Roma come ho fatto io, però nello specifico non ci sono entrato, perchè poi sono cose sue private. Spero che possa firmare il prima possibile che trovino questo accordo, anche perché questa cosa è andata avanti oltre il dovuto”

Il futuro del capitano – in conclusione, una  domanda sul futuro del Totti calciatore. Il romanista, avendo già rinunciato ad una ricca proposta dei L.A. Galaxy,  sembra essere in completo disaccordo con la volontà, recentemente espressa sia da Ibrahimovic che da Cassano circa la possibilità di lasciare il calcio fra pochi anni. “Voglio giocare fino a 40 anni, perché mi diverto, il calcio mi ha dato tutto e se sto bene voglio proseguire. Ho voglia di giocare, non penso al mio dopo da dirigente. C’era la possibilità di andare al Galaxy, ma non se n’è fatto nulla”.

Angelo D’Acunto