MILANO, 13 OTTOBRE – Nuovi guai per Mister Ranieri e tutta la banda nerazzurra: un altro stop, un altro giocatore fermo, un infortunio.

Nella partita di qualificazione ai mondiali 2014, giocata ad Asunçion tra Uruguay e Paraguay, primo rewind della Coppa America da poco terminata, l’interista Diego Forlan all’83’ ha lasciato il campo, zoppicando. “Ho sentito dolore e non potevo continuare”, ha dichiarato El Cacha alla fine del match. Un brutto dolore muscolare, che potrebbe tenerlo fermo per settimane. Il sospetto è di uno stiramento alla coscia destra e se l’infortunio sarà confermato lo stop è assicurato per ben quattro settimane.

Proprio ora che l’Inter si apprestava a disputare ben sette partite nei prossimi 23 giorni. Fortunatamente Pazzini e Milito hanno recuperato, ma in questo delicato momento per la squadra era fondamentale, per lo meno in campionato. Il mister ha la necessità che tutti possano rispondere all’appello.

[ad#Google Adsense]

Eppure questa doveva essere per il giocatore la partita del sogno: raggiunge un nuovo record, batte tutti i marcatori della Celeste: sale nella classifica a quota 32 gol in 84 presenze ed entra nella storia della sua nazionale. Unico motivo reale per sorridere di questa partita, nel finale la squadra subisce un pareggio, non conquista i tre punti e l’attaccante di punta si infortuna. Aveva giocato bene e voleva una buona conclusione.

Ora si aspettano gli accertamenti da parte dello staff medico milanese. L’unica certezza: salterà l’anticipo di sabato contro il Catania. Tifosi nerazzurri col fiato sospeso insomma, ma per Ranieri c’è anche una buona notizia: Sneijder recupera e ricomincia la preparazione dopo il risentimento muscolare all’adduttore della coscia sinistra del 23 settembre, giorno dal quale è fermo.

Alessandra Scarciglia Bnsport