BOLOGNA, 12 OTTOBRE – Dieci partite no. Una sì. È il verdetto dell’ormai eterno affare Bryant-Virtus, che sembra finalmente sul punto di chiudersi.

Sabatini ci ha sempre creduto, e la sua fede potrebbe essere ripagata. L’entourage di Kobe si è detto disponibile a trattare su una delle proposte avanzate dalla Virtus, ossia quella riguardante la Kobe night da disputare all’Unipol Arena. Segno evidente del desiderio di Bryant di trovare un accordo per giocare in Italia, anche se per una sola partita.

Una volta incassata la volontà del giocatore, resta da definire le modalità dell’accordo, tra le quali la questione delle multinazionali di cui Kobe è testimonial, i cui vincoli contrattuali potrebbero creare problemi per le apparizioni che il giocatore farà quel giorno con gli sponsor di Sabatini, come Technogym e Patasnella (Pizzoli). Risolto questo, niente dovrebbe più impedire che la Kobe night accenda Bologna.

Luciano Cangianiello