PESCARA, 11 OTTOBRE . Nonostante la qualificazione sia da tempo in tasca, la nazionale di Cesare Prandelli scenderà in campo questa sera all’Adriatico di Pescara, con fischio di inizio alle 20.45 , per dare spettacolo in pieno stile Barça.

Tocca alla nostra pulce, pardon formica atomica, dare brio e fantasia ad un attacco formato mini. Farà coppia infatti con Cassano quel Sebastian Giovinco che ,a detta del mister ex Fiorentina, è “uno che scala le montagne” e che si sta definitivamente affermando al Parma come punta e goleador dopo anni quantomeno in sordina alla Vecchia Signora.

L’idea è di “tenere il pallone più degli avversari” come ha detto Prandelli proprio nella conferenza stampa di ieri, e allora quale maniera migliore se non schierare due punte agili, rapide e tecnicamente al di sopra della media nel cui dna è assente il vocabolo palla alta?

[ad#Google Adsense]

LA FORMAZIONE – L’Italia stasera dovrebbe scendere in campo con i 2 gioielli tascabili in avanti supportati da un centrocampo che dovrebbe vedere la presenza sulla trequarti di Alberto Aquilani supportato dal trio De rossi, Pirlo, Montolivo (chissà se ci sarà un altro goal dei centrocampisti dopo I 3 messi a segno contro Spagna e Serbia) con una difesa dove, per il rientro di Balzaretti sulla sinistra , dovrà probabilmente tornare nel suo ruolo di centrale Giorgio Chiellini affiancato dal compagno di club Barzagli con Cassani sulla destra. In porta ovviamente Gigi Buffon che verrà premiato dalla Uefa( presenti anche Fabio Cannavaro e Maldini) per il record di 100 presenze con la nazionale italiana.

GLI AVVERSARI – Non sarà una partita semplice contro una squadra, l’Irlanda del Nord, che ci fermò sullo 0 a 0 poco più di un anno fa in quel di Belfast e che non vorrà certo rimediare una brutta figura nel giorno dell’addio del suo storico C.t. Worthington( lascia dopo 4 anni e mezzo). I precedenti però sono dalla nostra parte con 5 vittorie su 5 in casa.

Andrea MarraBnsport