TORINO, 10 OTTOBRE – Non sono stati ancora individuati i due ladri di tir che ieri sera hanno provocato l’incidente stradale, alle porte di Torino, che ha coinvolto il pulman della squadra del Torino di ritorno dalla trasferta di verone. Tutti illesi i calciatori, ma due persone a bordo di un’altra vettura sono morte.

I due camionisti sono fuggiti facendo perdere le loro tracce. L’incidente è avvenuto nella barriera di Trafarello, sull’autostrada Torino – Piacenza. In base alle ricostruzioni il conducente e una seconda persona sarebbero fuggiti a piedi verso Moncalieri. Gli agenti stanno visionando i filmati degli impianti di sorveglianza dell’autostrada per arrivare a particolari che consentano di identificarli.

Due m,orti, un ferito grave, un pirata della strada in fuga: è questo il bilancio del tamponamento a catena in cui ieri sera è rimasto coinvolto il pulman del Torino, capolista del campionato di serie B, di ritorno dalla trasferta vittoriosa di Verona. Calciatori e dirigenti illesi, hanno prestato i primi soccorsi.

Il Presidente del Torino, Umberto Cairo, ha raccontato così il fatto: “L’incidente è stato una situazione scioccante. Siamo arrivati al casello ed una vettura che era dietro è stata tamponata violentemente da un tir ed è andata ad incastrarsi sotto il nostro pulman, prendendo fuoco“.  I giocatori del Toro sono scesi per spegnere l’incendio e prestare i primi soccorsi, in attesa dell’arrivo dei pompieri. “hanno aiutato per quello che potevano, è stata una scena molto brutta e drammatica”, così il commento del Presidente Cairo.

Terribile la dinamica dell’incidente: il tir ha tamponato una BMW che, in seguito è andata a finire sotto il pulman del Torino. Morte sul colpo due delle tre persone che si trovavano nella vettura, due torinesi rispettivamente di 25 e 31 anni. In prognosi riservata il ventiquattrenne conducente dell’auto, sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Sabrina Brandone