ROMA, 3 OTTOBREChi lo avrebbe mai detto che troppo sesso facesse male alla salute? A sentir parlare Rocco Siffredi, l’attore porno più conosciuto della scena hard italiana, sembrerebbe proprio così. Infatti in un’intervista ammette: Ho i legamenti del ginocchio trapiantati, e poi vari pezzi di sintesi nella schiena, alla clavicola, alle spalle, al polso. Certe posizioni creano degli scompensi pazzeschi all’anca e quindi alla colonna vertebrale. Tutto per metterti a favore di telecamere. In più mi è partito l’occhio destro, vedevo tre donne al posto di una. Ho fatto un trapianto di cornea da cadavere. Sono tornato al porno perché ero depresso. Sono un challenger, mi piace far quello che nessuno crede possibile, ad esempio sesso con donne grassissime, brutte o anziane. La cosa più difficile è stato farlo con tre donne dai 67 ai 73 anni. Sessualmente sono un razzista, posso andare anche con le nere e le asiatiche, ma solo per lavoro. Oggi la gente si sente sessualmente libera di fare quel che vuole, la perversione sta toccando livelli che neppure io avrei immaginato. La vera rivoluzione sono le ragazze che guardano film quasi quanto gli uomini e a 18 anni sono già delle bombe“.

Sicuramente, a farlo in maniera esponenziale come faceva lui, quindi eccessiva, qualche controindicazione la porta di certo!

Eleonora Braghiroli