MILANO, 25 SETTEMBRE – Il Cesena, a causa del goal di Seedorf dopo 5 minuti, è costretta subito ad inseguire. Il 4-4-2 avrebbe dovuto tenere la squadra più compatta e invece si fa trovare spesso impreparata nel primo tempo. Nella seconda frazione i romagnoli sono più aggressivi in cerca del pareggio ma il muro rossonero tiene fino alla fine riuscendo a strappare la vittoria.

Ravaglia: 5,5. Qualche colpa sul goal di Seedorf. Tiene in partita la squadra sbarrando la porta ai tentativi di El Shaarawi e Cassano.

Comotto: 6. Si propone spesso in fase offensiva. rischia l’ammonizione per una protesta plateale dopo un rigore non concesso.

Von Bergen – Rodriguez: 6. La coppia centrale tutta straniera non sfigura affatto a San Siro. Con le buone o con le cattive riesce a contenere gli affondi avversari.

Rossi: 5. Sulla sua corsia la fa da padrone Abate che in più di un’occasione lo supera. Sostituito nella ripresa.

Guana: 5,5. Dovrebbe essere lui il metronomo della squadra ma tutto fa tranne che farla girare. Preferisce le maniere forti tanto da prendersi un’ammonizione nel primo tempo per un brutto fallo.

Parolo: 5. Non è ancora il giocatore visto lo scorso anno. Le voci di mercato estive avranno influito sul suo rendimento?

Raphael Martinho: 5. L’ex Catania si propone spesso ma gli errori in fase di appoggio sono davvero tanti.

Candreva: 6. Non si capisce il motivo della sua sostituzione. È l’unico nel primo tempo a creare qualche problema al Milan.

Martinez: 4,5. Il suo passaggio al Cesena doveva servire a rilanciarlo. Pessima la sua prova. Moltissimi i passaggi sbagliati. Non convince nemmeno il suo allenatore che alla fine del primo tempo lo sostituisce.

Mutu: 5. Annunciato come colpo di mercato del Cesena, la sua classe non si è vista affatto. La posizione di prima punta forse lo penalizza un po’. Avrebbe bisogno di un attaccante di peso come compagno di reparto.

Ghezzal: 5,5. Cerca di fare qualcosa ma senza risultati.

Eder: 6. Si muove su tutto l’arco d’attacco ma non viene registrato nessun pericolo da parte sua.

Colucci: 5,5. Lo scorso anno si è rivelato una pedina fondamentale per questa squadra. Quest’anno viene impiegato col contagocce. Visti i risultati consigliamo a Giampaolo di dargli maggiore considerazione

Antonello Di Muccio