ROMA, 19 SETTEMBRE – In Italia è sicuramente molto conveniente essere parlamentare o ex. Lo sa bene Ilona Staller che dopo essere stata in Parlamento dal 1987 al 1992, cinque anni e una sola legislatura va in pensione. Il prossimo 26 novembre Cicciolina compirà 60 anni, sarà allora che riceverà il vitalizio maturato come ex onorevole di ben 3.000 euro lorde al mese.

La Staller non è l’unico caso. Anche altri personaggi che si sono affacciati in Parlamento giusto il tempo di un battito di ciglia ricevono lo stesso compenso. E’ questo il caso, ad esempio, di Gino Paoli, Pasquale Squitieri, Toni Negri. E non c’è che dire. In un momento storico come questo, dove la crisi economica è imperante, alla popolazione vengono chiesti grandi sacrifici e i privilegi della casta balzano ancor più agli occhi, notizie come queste lasciano l’amaro in bocca.

Come si legge sul quotidiano “Il Corriere della Sera” la diretta interessata ha detto: “Pensi che me l’ero persino dimenticato. Ma non mi vergogno, non ho derubato nessuno, quei soldi me li sono meritati’. Spiegando: ‘Mi mancavano due mesi di contributi, ai tempi pagai quasi 2 milioni di lire e adesso questo beneficio mi spetta. So che risulta impopolare, ma allora gli italiani dovrebbero cambiare la legge, mica l’ho fatta io. Sarei disposta a versare tutto in beneficenza, ma solo se lo faranno anche gli altri”.

Eleonora Braghiroli