MILANO, 31 AGOSTO – La Juventus non raggiunge l’accordo con il Rubin Kazan per Salvatore Bocchetti. Resta Sorensen. Il pressing sul club russo è stato l’ultimo tentativo in ordine cronologico di rafforzare una difesa che nel corso delle amichevoli estive aveva fatto sentire la mancanza di un giocatore d’esperienza, dotato di carisma e in grado di compensare un centrocampo così offensivo come quello delineato dall’ex capitano bianconero.

Adesso, a calciomercato quasi chiuso, la coppia Bonucci-Chiellini sembra ritornare in auge, senza dimenticare l’ottimo Barzagli della scorsa stagione e la promessa Sorensen, tolto dal mercato all’ultimo minuto.

Il retroscena. In principio fu Lugano, svincolato dal Fenerbache per poi approdare alla corte parigina di Leonardo, poi Alex, in rotta con il Chelsea e inseguito dall’Arsenal. Tutte idee mai concretizzate e sfumate nel nulla. Oggi all’Ata Hotel Executive a Milano, dove si sta svolgendo il rush finale di questo calciomercato, la Juve ha trattato con lo Zenit per lo scambio Bonucci-Bruno Alves, ma i due club non hanno trovato un accordo congruo. Marotta e Paratici, incassato anche il no della Sampdoria per Gastaldello e costretti a virare verso altre piste, non hanno abbandonato il fronte russo, lavorando ad oltranza per Salvatore Bocchetti, 24enne del Rubin Kazan, senza però ottenere alcun risultato. Trapelate voci riguardanti un interessamento bianconero per Andreolli del Chievo, poco prima che l’a.d. Marotta dichiarasse ai microfoni di Gazzetta.it che il mercato juventino è ufficialmente chiuso.

Esuberi. Grosso, Ziegler, Pepe, Toni, Amauri, Iaquinta, uno tra Manninger e Storari. Questi i nomi che non rientrano nei piani di Conte. Mentre i giovani Pasquato e Giandonato sembrano aver trovato terreno fertile per fare esperienza rispettivamente a Lecce e a Vicenza, più difficile sarà per Marotta nelle prossime ore piazzare giocatori in calo come Iaquinta e Grosso, o poco appetibili come Pepe e Toni (anche se per quest’ultimo sembra esserci un interessamento del Blackburn). Secco “no” di Ziegler ai turchi del Trabzonspor. Tante le destinazioni possibili invece per Amauri, Manninger e Storari, ma a decidere saranno le ultime ore di calciomercato, piene di sorprese (in partenza) in casa Juve.

Luciano Cangianiello