Salvatore Parolisi sulla scena del crimine

ASCOLI PICENO, 16 GIUGNO (Bolognatg24.it) – Il cellulare nuovo di zecca trovato alle prime idi di giugno dalla polizia vicino ad un campo sportivo di Villa Pigna, frazione di Folignano (Ascoli Piceno), potrebbe appartenere al caporalmaggiore Parolisi, vedovo di Carmela Melania Rea,la 29enne di Somma Vesuviana uccisa con 35 coltellate il 20 aprile scorso nel bosco delle Casermette a Ripa di Civitella (Teramo).

Dalla procura di Ascoli nessuna conferma. Intanto proseguono le indagini e le verifiche scientifiche sia sul presunto telefonino di Tore sia su altri reperti, catalogati nell’ultimo mese dagli esperti dei Ris.

Secondo indiscrezioni giornalistiche pare che il telefonino sia del caporal maggiore,in quanto è stato rinvenute dopo la segnalazione di un teste che avrebbe visto Parolisi cercare qualcosa proprio nel luogo dove poi è stato trovato il cellulare.

INTERVISTA A IMMA, AMICA DI MELANIA – Imma durante un’intervista esclusiva alla trasmissione Pomeriggio Cinque ha dichiarato: «Non penso che Melania conoscesse la doppia vita di Salvatore», smentendo l’ipotesi che Melania fosse consapevole dei tradimenti di Parolisi.

L’amica di Melania, inoltre, nutre dei forti debbi sulla sincerità della amore verso Melania di Salvatore “se amare una persona significa tradirla ripetutamente e per due anni», ma si augura che il militare «non nasconda niente» e che non sia legato al barbaro omicidio, soprattutto perché a figlia Vittoria «potrebbe rimanere orfana anche di un padre».

Redazione