[ad#Juice 300 x 250][ad#Juice PopUnder1][ad#Juice Overlay]

NEW YORK, 13 MAGGIO – Lindsay Lohan non smette mai di far parlare di sé e ritorna, più sfacciata che mai, sulla copertina della rivista Blank di questo mese. Dopo la condanna definitiva per aver rubato qualche mese fa una collana del valore di più di 2500 dollari presso la gioielleria di Venice Beach, la star ha deciso di ammettere la propria colpa ed è stata condannata a 120 giorni di reclusione.

Reclusione che la Lohan non passerà neanche per un istante dietro le sbarre della prigione, vista la decisione del giudice di accordarle 14 giorni di arresti domiciliari e ben 480 ore di lavori socialmente utili.

Non è la prima condanna per la giovane e trasgressiva star, già condannata in passato per guida in stato di ebbrezza.

Questa volta la condanna è stata leggermente ammorbidita visto il “no contest”, ossia un’ammissione di colpevolezza, che la ragazza ha proclamato dinanzi al procuratore.

All’ammissione di colpa ha fatto seguito la cosiddetta “libertà sulla parola” o ancor meglio “ un periodo di prova” che è stato fissato entro i prossimi 3 mesi, durante i quali se la ragazza dovesse commettere qualche altro reato verrà trattata come una comune criminale, con le relative aggravanti del caso per aver violato gli impegni legati a questa causa.
In tutto questo clamore, la Lohan è nuovamente protagonista sui grandi schermi con lo splatter “Machete” di Robert Rodriguez e sulle riviste con la sexy copertina Blank in uscita questo mese.

Un intero servizio fotografico a Lei dedicato, con immagini spregiudicate che nel giro di poche ore hanno riacceso l’attenzione sulla sua vita, incentrata sull’eccesso e sulla sregolatezza.

Emanuele Ambrosio