BOLOGNA, 10 MAGGIO – La premiere mondiale, si è già svolta nel parco dei divertimenti della Disney (produttrice della saga) ad Anaheim, in California, ma per vederlo nelle sale italiane dovremo temporeggiare ancora un po’. L’uscita è prevista per il 18 giugno: parliamo del quarto capitolo della saga  I Pirati dei Caraibi, titolato On stranger tides (ispirato a “Mari stregati” di Tim Powers, 1987).

Cambia la regia, Rob Marshall subentra a Gore Verbinsky. Cambia il cast: Orlando Bloom e Keira Knightley, abbandonano il campo lasciando posto alla neo-mamma latina, Penelope Cruz che entra nella saga come figlia di Barbanera (Ian McShane). Cambia la tecnica dell’immagine: la quarta puntata sarà tridimensionale.

Resta, ancora per questo quarto episodio Johnny Deep e il suo Jack Sparrow, e torna a recitare con la Cruz dopo Blow, dieci anni fa: “Blow fu per entrambi un’esperienza molto intensa, indimenticabile, raccontavamo la storia del primo grande spacciatore di Los Angeles. Eravamo molto legati anche al regista Ted Demme, scomparso all’improvviso l’anno dopo. Un brutto colpo. Rivedere  Penelope è  stato come se l’avessi vista il giorno prima. Tra di noi c’è un’intesa naturale, una chimica perfetta. Non devi forzare niente, tutto è così naturale, sia sul set che nel privato”.

In attesa dell’uscita nelle sale, un accenno alla trama: la scena si apre a Londra, Jack è incastrato dalle guardie di re Giorgio (Richard Griffiths). Fugge, imbarcandosi sulla nave di Barbanera e nel tentativo d’impossessarsi della Fonte della Giovinezza, si troverà coinvolto in avventure e disavventure, fronteggerà, per cavarsela, non solo i pericoli del mare aperto ma anche del suo passato.

Rosaria Colella