Silvio Berlusconi MediatradeMILANO, 28 MARZO (BolognaTg24) – “E’ andata bene”. Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha commentato l’esito dell’udienza preliminare odierna per il processo Mediatrade che è durata un paio d’ore.

Il processo Mediatrade “rientra nei tentativi fatti per eliminare il maggiore ostacolo che la sinistra ha nella conquista del potere. Sono accuse infondate e ridicole”. “Dal gennaio 1994, quando sono sceso in politica, non mi sono mai occupato di diritti televisivi” – ha proseguito il premier che affronta il 25esimo processo negli ultimi 20 anni.
Negli altri è stato sempre stato assolto.

Una volta uscito in auto dal Palazzo di Giustizia il premier è salito sul predellino dell’auto per salutare i suoi sostenitori e ha confermato anche che sarà in aula nelle prossime udienze, a partire da quella fissata per il 4 aprile.

GHEDINI – “Non escludo dichiarazioni spontanee in aula – ha spiegato il legale del premier Nicolò Ghedini – o che il premier chieda di essere interrogato nell’udienza preliminare. E’ che non abbiamo ancora deciso nulla. Probabilmente l’udienza finirà a giugno forse ci sarà bisogno di un’altra tappa oltre al calendario già fissato oggi”. Le prossime presenze in aula di Berlusconi dovrebbero essere il 4 aprile, il 2 e il 30 maggio. Da segnalare anche che, al termine dell’udienza, il premier ha stretto la mano ai pm.

VIDEO