BIRMANIA, 25 MARZO (Bolognatg24) – Sono 75 i morti e oltre cento i feriti delle due scosse di magnitudo 6.9 e 7.0 che hanno colpito ieri il nordest del Myanmar, l’ex Birmania.

L’ultimo bilancio, fornito da un dirigente birmano che ha chiesto di rimanere anonimo, e’ destinato ad aumentare quando i soccorritori riusciranno ad accedere a zone per ora inaccessibili. La scossa ha colpito il ‘triangolo d’oro’, ai confini fra Birmania, Thailandia e Laos, una zona montagnosa di difficile accesso ma dove si svolge un attivo commercio transfrontaliero. E’ stata particolarmente violenta in alcuni comuni vicini alle citta’ birmane di Tashilek e Kenhtung, dove si e’ registrato finora il maggior numero di vittime, secondo la fonte.

Il sisma si è prodotto al confine con Thailandia e Laos, con ipocentro a 10 km di profondità. La scossa è stata avvertita anche nelle capitali vietnamita, Hanoi, e thailandese, Bangkok, dove alcuni grattacieli sono stati evacuati perché oscillavano. L’area colpita, poco popolata, è ritenuta il triangolo del traffico mondiale di eroina.

VIDEO

 

Redazione