TRIPOLI, 22 FEBBRAIO – E’ quanto ha sostenuto il ministro degli Esteri britannico, William Hague. “Ho visto alcune informazioni che lo indicano”, ha specificato Hague, al termine del vertice dei capi delle diplomazie dell’Unione europea a Bruxelles. Le sue fonti sono diverse da quelle dei media che alcune ore fa avevano diffuso la stessa notizia. Ma da Caracas esponenti del governo di Chavez smentisco- no. E anche fonti Ue parlano di “notizie infondate”.

MERCENARI SERBI ARRUOLATI DA GHEDDAFI – Mercenari serbi potrebbero già trovarsi in Libia o potrebbero partire prossimamente per combattere a fianco delle truppe del colonnello Muammar Gheddafi, secondo quanto affermato da un noto analista militare a Belgrado. «E possibile che mercenari serbi siano già andati in Libia a sostegno delle forze governative», ha detto all’Ansa Ljubodrag Stojadinovic, analista di questioni militari del quotidiano Politika.

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

A suo avviso tuttavia, dato il breve periodo di tempo trascorso dallo scoppio della rivolta in Libia, è più probabile che eventuali mercenari partano dalla Serbia prossimamente. Stojadinovic commentava notizie apparse oggi sulla stampa italiana relative alla presenza in Libia di mercenari provenienti anche dai Balcani. «È quasi sicuro che mercenari serbi andranno in Libia per vendere la propria esperienza accumulata durante le guerre balcaniche, in particolare per quel che riguarda la guerriglia urbana e gli scontri strada per strada», ha aggiunto Stojadinovic, che è stato lui stesso un militare in passato. «I veterani dei conflitti balcanici hanno fatto di questo un mestiere».

Confermando la presenza in Libia di numerose formazioni di mercenari provenienti da altri Paesi africani, Stojadinovic si è poi detto del parere che l’esercito libico si dividerà tra un gruppo di militari fanatici fedeli a Gheddafi e un’altra parte che si chiederà cosa accadrà dopo la caduta del colonnello e resterà neutrale.