LONDRA, 15 DICEMBRE – I legali dell’accusa svedese hanno fatto appello contro il rilascio su cauzione concessa dal tribunale londinese a Julian Assange, il capo di WikiLeaks. L’Alta corte di Londra deciderà entro 48 ore.

La cauzione è di 250mila euro in contanti.Grazie ai suoi sostenitori,tra cui i registi Moore e Loach, 40mila sono disponibili. Due le possibilità: Assange resta in cella fino al pagamento della cauzione e poi dovrà indossare il braccialetto elettronico,oppure resterà in carcere fino all’11 gennaio, data dell’udienza sulla sua estradizione. La Svezia vuole processarlo per violenza sessuale.

RIVOLUZIONE EUROPEA | Si chiama Brusselsleaks.com, segue le orme di WikiLeaks e promette di mettere “a nudo” le istituzioni europee. La versione europea del sito “spia” di Julian Assange è nata a Bruxelles. Per ora è una semplice pagina web in inglese. E’ stata creata da giornalisti e da esperti di istituzioni dell’Unione europea, tutti anonimi. Obiettivo: “Rendere più trasparenti le decisioni prese dietro le porte chiuse” della Commissione e del Consiglio Ue e dell’Europarlamento.

Redazione