BERGAMO, 13 DICEMBRE – Nel corso della Messa, celebrata ieri dal parroco del paese, don Corinno Scotti, è arrivata una supplica affinché Yara, la 13enne scomparsa il 26 novembre da Brembate di Sopra, torni al più presto a casa.

Don Corinno ha confermato ai fedeli di avere sentito il papà di Yara, che questi confida nella possibilità che possa tornare per il Santo Natale. Il parroco ha anche ricordato come in questo stesso periodo, l’anno scorso, Yara si stesse preparando alla Cresima e avesse partecipato con fede ed entusiasmo alla realizzazione del presepe.

«Sentiamo nell’aria un grande affetto» – Maura Gambirasio, la mamma di Yara, ha risposto così parlando telefonicamente ai giornalisti del Tg2. E ha raccontato: «Abbiamo ricevuto anche una lettera di otto detenuti: è stata tra le più belle che abbiamo ricevuto».

La donna ha anche confermato di ritenere improbabili l’ipotesi secondo cui la scomparsa di Yara possa essere legata a una ritorsione verso la sua famiglia Gambirasio. «Noi sentiamo quello che ci dicono i carabinieri – ha detto Maura Gambirasio – e preferiamo non vedere tv e non leggere i giornali».

Redazione