LECCE, 23 SETT. – Un pareggio meritato quello ottenuto dal  Parma al “Via del mare” di Lecce. Gli emiliani passano in svantaggio nel primo tempo a causa di una clamorosa leggerezza di Gobbi: Jeda dagli undici metri batte Mirante. Nel secondo tempo l’eterno Hernan Crespo, su assist dell’ex di turno Angelo, bagna il suo debutto da titolare in campionato con la prima rete stagionale e la 200esima in carriera. (VIDEO Lecce – Parma 1-1)

INTERVISTA A DE CANIO – “Il pareggio finale lascia un po’ di amarezza perchè, soprattutto nel primo tempo, abbiamo tenuto bene il campo. Abbiamo avuto un buon approccio alla gara, passando meritatamente in vantaggio. In seguito, abbiamo avuto anche qualche opportunità per raddoppiare, ma poi è arrivata quella distrazione sulla quale il Parma è riuscito a pareggiare.

Risultato a parte, ritengo che la mia squadra, stasera, abbia fatto vedere dei progressi rispetto alle precedenti gare. Questo dimostra la bontà delle nostre scelte, ma anche la necessità di allenarci sul piano tecnico e fisico, poichè abbiamo ancora qualche giocatore in condizione non ancora ottimale;  mentre Ofere, sebbene fosse al debutto, ha dimostrato una migliore condizione fisica, grazie ad una preparazione più avanzata, avendo giocato diverse gare già prima di arrivare in Italia.

In questa fase, stiamo affrontando molte difficoltà; tuttavia, stasera la squadra l’ho vista molto bene. Probabilmente, in questa situazione, ci stiamo temprando.

Non conosco ancora gli altri risultati, ma pare che, in questo avvio di campionato, ci sia un certo equilibrio tra le piccole e le grandi squadre. Peraltro, se oggi avesse vinto anche il Lecce, al cospetto di un ottimo Parma, non credo che ci sarebbe stato nulla da dire.

Il mancato sostegno del pubblico? Domenica scorsa, in 10 contro 11, il Cesena ha trovato in quella bolgia del “Manuzzi” la forza per contrastarci meglio. Sono convinto che il sostegno incessante del pubblico aiuti la propria squadra, ma siamo al corrente che la protesta dei nostri tifosi non è indirizzata a noi: ci sono altre motivazioni alla base del loro silenzio. Noi pensiamo a giocare e ad andare avanti”.

Redazione Sportiva