Bologna, 14 settembre 2010Marco Di Vaio fa il punto della situazione dopo l’inizio di stagione negativo da parte della sua squadra. Secondo Il leader dei rossoblu, bisognerebbe migliorare ancora dal punto di vista della condizione fisica oltre che imparare a pieno i nuovi schemi dettati dal nuovo mister Alberto Malesani, subentrato a Franco Colomba nell’estate scorsa.

Il capitano felsineo è ancora alla ricerca della sua prima rete in questo campionato (in totale ne ha segnati 113 in serie A). Visto i risultati ottenuti dalla sua squadra che attualmente ha raccolto solo un punto in due partite, afferma: “ Dobbiamo crescere, ma in fretta. Nemmeno a noi è piaciuto questo Bologna”.

[ad#Juice 250 x 250]Inoltre esprime la sua gioia per la fascia di capitano consegnatagli: “Per me è un onore indossare la fascia che è stata al braccio di un calciatore e di un uomo come Giacomo Bulgarelli (ex gloria della squadra rossoblu che detiene il record di presenze nella storia del club con 486 partite giocate)”.

CASTELDEBOLE TODAY – Oggi alle 15 è ripresa l’attività a Casteldebole. Nessun problema per i claudicanti dell’Olimpico Portanova e Garics, mentre in settimana potrebbero rivedersi due degli infortunati storici: Gavilan, che tre settimane fa si fratturo l’alluce, e l’atteso Krhin, che sta smaltendo i postumi della distorsione alla caviglia patita a luglio, quando ancora era in ritiro con l’Inter. Si dovrà invece pazientare ancora per gli altri indisponibili: Morleo (ginocchio), Ekdal (caviglia) e Buscè (noie muscolari), non si rivedranno prima di una ventina di giorni.

Leo Brindisi