BOLOGNA, 3 SETT. L´istituto Carracci non apre le porte e sposta tutti i 300 allievi alle Guinizelli per pericolo di crollo degli stabili. “La necessità di eseguire interventi di consolidamento strutturale indifferibili – si legge sul portale delle scuole – non consentirà quest´anno il rientro alle Carracci”.

I primi sopralluoghi furono dei tecnici del Comune, il 27 maggio, chiamati dal preside Mario Nanni. Dopo l´analisi delle crepe, l’annuncio della chiusura. La reazione dei genitori: “Vorremmo sapere almeno quali lavori faranno e quanto dureranno, anche perché ci piacerebbe pensare che quella scuola immersa nel verde sarà di nuovo agibile un giorno. E’ ancora in corso la quantificazione economica degli interventi necessari che verrà sottoposta agli organi competenti”.  dice Cristina Romagnoli, mamma di un alunno di terza media che siede nel consiglio d´Istituto.

Barbara Soprani

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder][ad#Cpx Banner]