RAVENNA, 2 SETT. Un milione di euro elargito in soli quattro anni. Questo il saldo pagato dalla Regione Emilia Romagna alla Terremerse, nel quadrienno 2004 – 2008, per fatture, contributi e progetti realizzati dalla coop di Bagnacavallo fino al gennaio scorso presieduta da Giovanni Errani, fratello del governatore Vasco. «Si tratta di un’enormità di denaro — ha affermato il consigliere comunale dell’Ucd di Imola, Riccardo Mondini — mai concessa a nessun’altra cooperativa agroalimentare in regione». L’elenco dei pagamenti, estratto dalla contabilità regionale, verrà allegato nei prossimi giorni all’ordine del giorno che Mondini ha già presentato in Comune a Imola. Un ordine del giorno che verrà discusso mercoledì in aula, come annunciato in settimana dal sindaco imolese Daniele Manca.

[ad#Cpx 300 x 250]«Prima del 2004 — continua Mondini — a Terremerse erano state elargite poche migliaia di euro. Un andamento in linea con tutte le altre cooperative del settore attive in regione. Poi da quando i bilanci di Terremerse hanno avuto qualche difficoltà stranamente sono aumentati questi contributi».

Sui bilanci di Terre Emerse gli interrogativi erano costantemente posti anche da parte dei soci. Nella lista di Mondini compaiono somme molto diverse tra loro per un totale di 1.060.064 euro. Tra le voci in elenco spiccano i 309.097 euro nel 2008 per il progetto ‘Kiwi Pempa-Corer’, ma il più delle volte «nelle fatture non è specificata la ragione» precisa il consigliere. «Non è possibile per un privato fare impresa in Emilia-Romagna finché si continuano a usare due pesi e due misure — evidenzia Mondini —. L’imprenditoria privata non cooperativa nel territorio imolese o lavora per la cooperazione in situazioni ‘ancillari’ o non esiste». Ieri, contattato telefonicamente, Giovanni Errani non ha voluto rilasciare commenti in merito all’argomento sollevato da Mondini.

Fonte IlRestodelCarlino

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]