Atc BolognaTORINO, 10 GIU.“Il bisogno psicologico di trovare un capro espiatorio, per l’omicidio del figlio Samuele, è vitale per Annamaria Franzoni. Non avere una figura su cui proiettare il delitto commesso la porterebbe al suicidio”. E’ questo il pensiero del professor Ugo Fornari, espresso ieri, in qualità di testimone, nell’aula del tribunale di Torino dove si svolge il processo alla Franzoni per calunnia nei confronti del vicino di casa Ulisse Guichardaz. La donna, che sconta nel carcere di Bologna la condanna per l’omicidio del figlio, secondo il professore, “fu consapevole di ciò che aveva commesso, fino al febbraio 2002, quando raccontò al marito che era stata la sua vicina di casa, Daniela Ferrod, a uccidere Samuele. Quella telefonata è la sua confessione – spiega Fornari – lei in quel momento spezza in due la sua persona, prende la parte cattiva e la colloca in Daniela. La Ferrod è l’Annamaria cattiva che culmina nell’omicidio”.

Bologna: sciopero trasporti venerdì 11 giugno

BOLOGNA, 10 GIU. – Scioperi dei mezzi pubblici e disagi per i cittadini, nella giornata di venerdì 11. Lo sciopero interesserà Bologna e provincia dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio. Hanno aderito all’astensione nazionale di 24 ore, oltre all’Atc Bologna, anche le organizzazioni territoriali di Usb Lavoro privato, Rdb Trasporti e Sdl. Garantite le corse dal capolinea centrale verso la periferia e viceversa, con partenza fino alle ore 8,15 al mattino e fino alle ore 19,15 alla sera. Per le linee urbane di Imola, garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione ferroviaria o dall’autostazione, fino alle ore 8,20 al mattino e fino alle ore 19,20 alla sera. Garantiti anche i servizi “riservati scolastici”, le attivita’ di rilascio di contrassegni e vetrofanie per le aree regolamentate dal piano sosta, oltre ad un operatore al call center telefonico 051-290290.

Delitto Balani: ergastolo confermato dalla Cassazione per Andrea Rossi

BOLOGNA, 10 GIU. – Ergastolo confermato dalla Cassazione per Andrea Rossi, il commercialista 47enne che, il 14 luglio 2006 uccise, nella sua abitazione, Vitalina Balani, 70 anni. Il movente sarebbe di natura economica, la donna aveva affidato a Rossi, suo commercialista, due milioni di euro. Rossi non investì il denaro, ma lo utilizzo per saldare i debiti contratti: per questo, secondo i giudici, ha ucciso la Balani. I legali dell’uomo, avevano chiesto alla Suprema Corte l’annullamento della sentenza decisa dalla Corte d’Appello di Bologna. Andrea Rossi è colpevole di omicidio premeditato, appropriazione indebita e circonvenzione d’incapace. Confermate anche la decadenza della potestà di genitore, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, l’interdizione legale e quella, per due anni, dalla professione di commercialista e l’isolamento diurno alla Dozza, dove è detenuto.

Cristina Reggini – Caporedattore Bolognanotizie.com