Bologna di notteBOLOGNA, 7 GIU. – Tentenna la “Bologna on the road” organizzata dalla Conferescenti insieme al Commissario comunale Cancellieri: il tentativo di una convivenza fra la Bologna più giovane che vuole star sveglia e la Bologna più “casalinga” che invece vuole dormire, sembra non aver funzionato: il centralino dei vigili urbani è stato preso d’assalto dai residenti inferociti per la troppa confusione.

Di fronte a questi esiti della prima notte di “Bologna on the road” il Comune di Bologna ha deciso di stoppare il seguito della manifestazione, che prevedeva già questo sabato il bis al Pratello, ed altri notti in via Zamboni e via Marsala.

In concomitanza sulla rete è stata messa in piedi una controprotesta organizzata di alcuni giovani dello stesso quartiere che hanno cominciato a manifestare pubblicamente il fatto che loro non si sentono affatto disturbati, e che anzi soffrirebbero un disagio maggiore nel vivere in una città senza divertimenti e svaghi. Su Facebook e Twitter si sta attuando un vero e proprio passaparola per opporsi al nuovo blackout notturno del Comune.

Barbara Soprani