Andrea TrinchieriBOLOGNA, 24 MAGGIO – «Nei play off ogni partita ha una sua storia, a Bologna mi inventerò qualcosa di diverso». Andrea Trinchieri, coach dell’Ngc Cantù, teme la sfida odierna al FuturStation e cerca di mischiare le carte per la decisiva gara3, quella che potrebbe regalare la qualificazione immediata alle semifinali playoff. Dopo aver schierato a sorpresa Urbutis nel quintetto titolare in gara 2 (per preservare dai falli Lydeka), l’allenatore canturino è pronto a regalare altre sorprese.

«Siamo sul 2-0, è vero, un vantaggio psicologico importante, ma credo che la Virtus giocherà alla morte gara 3. Davanti al proprio pubblico vorrà dimostrare di essere all’altezza dei play off e noi dovremo ripetere le prove positive del Pianella, giocando con la massima intensità, senza dare punti di riferimento agli avversari». Trinchieri non si sbilancia sul pronostico: «Ma sono fiducioso, anche perché sabato sera non siamo stati perfetti come avrei voluto io. Ma abbiamo vinto, anche meritatamente. Quindi se tutti i giocatori daranno il massimo…».

Il coach non è abituato a nascondere i problemi e a fine gara ha parlato della prova poco convincente di Markoishvili. «Marko è un generoso, vorrebbe spaccare play off, ma si è attorcigliato da solo. In partita non ho avuto il tempo per dargli i consigli giusti su come gestire la sua voglia di fare… Ma so quanto è importante per noi Markoishvili, spero proprio di ricaricalo nel modo giusto».

Sul fronte opposto, il coach della Virtus ha tanto lavoro psicologico da svolgere. «Io credo nella rimonta – ha detto Lino Lardo – ora devono crederci i miei giocatori. Sono convinto che tornerò a Cantù per giocare la bella. Ma è ovvio che dobbiamo trovare un gioco più efficace e costante, non possiamo andare a sprazzi. Ma devo tenere conto dell’arrivo dei nuovi giocatori, degli ex infortunati e degli assenti. Nei play off mi sono ritrovato con una squadra completamente diversa da quella che lottava per il secondo posto. Ma non cerco alibi. Dobbiamo partire da gara2, quando siamo quasi riusciti ad agganciare Cantù».

Redazione Sportiva