BOLOGNA, 20 Maggio – Ieri sera è stata aggredita una giornalista bolognese, mentre la donna entrava in un palazzo del centro storico di Bologna, qualcuno l’avrebbe spinta, facendole perdere l’equilibrio. La donna ha sbattuto la testa e ha perso i sensi, sono stati i condomini del palazzo a soccorrerla e ad avvertire i soccorsi, che appena giunti hanno portato la giornalista in ospedale, dove ha trascorso la notte, a causa di una lieve contusione alla testa.

La giornalista, che figura anche tra le curatrice del libroUomini che amano le donne”, ha deciso di non sporgere denuncia, sia perché non riesce neanche ad ipotizzare un movente per l’aggressione, e anche perché non vuole assolutamente collegare questo episodio alle polemiche sul libro.

Il libro “Uomini che amano le donne” nasce da un’idea dell’associazione culturale “Compagnia delle donne”, presieduta dalla giornalista Chiara Caliceti. All’interno del libro 50 giornaliste bolognesi hanno intervistato altrettanti uomini illustri della città, per citarne alcuni Romano Prodi, Gianfranco Fini, Francesco Guccini , Luca Cordero di Montezemolo. Il libro uscirà domani e il ricavato verrà utilizzato per il restauro della basilica di Santo Stefano.

Il libro, nato per motivi benefici, porta dietro di sé settimane di polemiche, legate ad una prefazione curata dal premier Silvio Berlusconi, che è giunta sulla scrivania della Presidentessa della Compagnia. Da quel momento sono iniziate le polemiche, si o no all’inserimento della prefazione di Berlusconi, i partecipanti all’iniziativa si spaccano, c’è chi addirittura minaccia di tirare in mezzo avvocati se il proprio nome apparirà vicino a quello del Premier.

La disputa si chiude con la decisione di stampare la prefazione di Berlusconi su un foglio separato, lasciando libera scelta al compratore se volerlo o no.

Stefania Cugnetto

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay]