Imola, 6 maggio – Maxi-operazione antidroga portata a termine ieri dalla polizia di Imola e Faenza che ha portato alla luce un giro di spaccio di cocaina proveniente dall’Olanda, finalizzato al rifornimento della riviera romagnola. L’indagine era partita da un fermo di un tunisino, Imed Lassoued, trovato in possesso di un chilo di eroina lo scorso gennaio a Imola. [ad#Juice Overlay]

Dopo l’arresto sono partite le intercettazioni che hanno svelato l’arrivo di una partita di cocaina dall’Olanda, trasportata a bordo di un Audi, con a bordo due persone. La vettura è stata intercettata tra il 22 e il 23 aprile al casello di Faenza e in manette sono finiti Luan Daiu e il 41 enne Ardian Shulai, capo dell’organizzazione di narcotrafficanti, già precedentemente espulso dall’Italia nel 2001. Sempre tramite le intercettazioni telefoniche, gli inquirenti sono riusciti a bloccare il resto della banda, che aveva intenzione di lasciare Faenza proprio ieri.

La polizia ha fatto irruzione ieri nella loro abitazione di Faenza e in manette sono finiti tre albanesi, Edison Masha e il fratello Indrit Masha, Armand Tarallar e la romena Veronica Pavel. Sequestrati duecento grammi di cocaina e oltre ventimila euro in contanti. Tutti i componenti della banda sono stati portati al carcere della Dozza di Bologna.

Teo Meriggi

[ad#Juice 300 x 250]