Bologna, 28 Aprile Circa una ventina di famiglie fra cui marocchini, tunisini, bengalesi, romeni e italiani si era accampata lo scorso 7 Aprile in Piazza Liber Paradisus davanti alla sede dei nuovi uffici comunali. L’accampamento era stato effettuato con il sostegno di Asia-RdB per chiedere una casa dopo averla persa. Molti infatti erano rimasti senza lavoro altri invece pur essendo in cassa integrazione non riuscivano comunque a pagare l’affitto che rimaneva una cifra più alta dei soldi percepiti. Da qualche giorno si susseguivano le voci di un possibile sgombero; esso ha avuto inizio all’alba di questa mattina. Ogni abitante della tendopoli ha ‘levato le tende ’ e tolto la propria roba in poco tempo e con grande dignità seppure sotto gli occhi attenti dei Vigili urbani e della Polizia.

Alle ore 11 gli inquilini sfrattati si sono spostati in Piazza Maggiore per una conferenza stampa.

Domenica scorsa Asia-RdB aveva annunciato l’occupazione di una ex scuola, vuota da tempo, a Borgo Panigale, da parte di circa una trentina di famiglie, fra extracomunitari ed italiani.

Tutta la vicenda segnala come l’emergenza casa sia al primo posto.

I sindacati chiamano in causa tutti gli enti locali e tengono a precisare, che nonostante lo sgombero, la vertenza sociale non si conclude.

Alessandra Solmi

[ad#Juice 300 x 250] [ad#Juice 300 x 250]

[ad#Juice Overlay]