Bologna, 28 Aprile Anche il Cosmoprof di Bologna, la fiera mondiale dedicata alla bellezza e alla cosmesi, riceve la visita della Guardia di Finanza. Dopo i controlli eseguiti negli stand la scorsa settimana e partiti da denunce di titolari di modelli industriali, vengono denunciati 6 espositori. Fra loro anche extracomunitari. L’accusa è quella di contraffazione di modelli di fabbrica regolarmente registrati e tutelati dai diritti d’autore.

La Guardia di Finanza ha proceduto anche al sequestro di 2700 prodotti tra phon professionali, apparecchiature per il trattamento delle unghie e depliant/brochure. La merce aveva marchi falsi ed era quindi lesiva dei diritti d’autore.

Altri controlli sono stati eseguiti negli spazi espositivi del Centergross di Funo di Argelato. A seguito di essi le fiamme gialle sono potute arrivare a denunciare e sequestrare oltre 3000 accessori di note marche di abbigliamento che erano state contraffate. Contraffatti erano ad esempio bottoni, fibbie, spille e ben 40 metri di stoffa a marchio Burberry. La documentazione contabile, portata via insieme ai falsi, ha consentito, poi, di arrivare ai nomi dei fornitori. Sono quindi stati eseguiti ulteriori controlli nelle province di Modena e Padova. Un grossista modenese si è visto sequestrare: 24 000 metri di stoffa e 1400 fibbie con marchi come Chanel e Gucci. Un grossista padovano ha visto portati via ben 41 000 gadgets termoadesivi di Hello Kitty. Oltre al sequestro di tutta la merce i due imprenditori, modenese e padovano, sono stati denunciati.

Alessandra Solmi

[ad#Zanox 300 x 250] [ad#Juice 300 x 250]

[ad#Juice Overlay]