BOLOGNA, 21 APR. – Il sistema telematico di catalogazione ha rivoluzionato il concetto stesso di biblioteca. Solo qualche anno fa la ricerca all’interno di un archivio richiedeva tempo e capacità specifiche, costringendo lo studente, il ricercatore o il semplice curioso a rivolgersi al personale specializzato nella ricerca dei testi. Da un decennio a questa parte le cose sono cambiate, permettendo a tutti di intraprendere la ricerca del testo desiderato semplicemente digitando il titolo del libro nel motore di ricerca del polo bibliotecario. La tecnologia applicata alle biblioteche ha così permesso al profano di addentrarsi nei meandri della catalogazione con le proprie gambe.

Ma per rendere sempre più efficiente i servizi di prestito, reference e catalogazione è necessario, nel polo bibliotecario bolognese, un aggiornamento del software che gestisce il tutto.

Il passaggio dalla vecchia rete telnet a internet e al sistema SOL (Sebina Open Library) richiederà alcuni giorni.

[ad#Juice Banner]

Sala Borsa resterà chiusa dal 26 al 30 aprile, periodo che verrà sfruttato anche per effettuare lavori edili sul sistema fognario dell’edificio. Dal 26 al 28 rimarranno chiuse quasi tutte le biblioteche del quartiere, mentre il 29 e il 30 saranno chiuse tutte.

L’unica biblioteca che non chiuderà i battenti sarà L’Archiginnasio che, con i suoi archivi cartacei, non necessita di nessun aggiornamento.

Per quanto riguarda i prestiti e le restituzioni, invece, le date sono le seguenti: Sala Borsa sospende i prestiti dal 22 al 30, e dal 22 al 24 è aperta ma solo per lo studio e la consultazione interna. Aperte per studio il 26, 27 e 28 le biblioteche Lame e Corticella, la “Ginzburg”, la “Pezzoli”, la “Spina”, la “Ruffili”, la biblioteca Casa di Kahoula e la “Tassinari Clò”.

I prestiti in scadenza durante i giorni di chiusura saranno automaticamente prorogati alla settimana successiva.

Matteo Di Grazia

[ad#Juice Banner][ad#Juice PopUnder2]